Documenti di identità e passaporti



CARTA D'IDENTITA'

I cittadini maggiorenni devono presentarsi personalmente allo sportello certificazioni (presso l'ufficio anagrafe in Corso Italia, 375) con:

• 3 fotografie recenti formato tessera, senza copricapo ed occhiali da sole;

• documento di identificazione (qualsiasi documento munito di foto rilasciato da un' Amministrazione dello Stato).

Consegnando  questi documenti la carta d'identità viene rilasciata direttamente all'interessato, attendendo il tempo necessario alla redazione.

Per l'indicazione dello stato civile (stato libero, coniugata con...) nella carta d'identità l'interessato dovrà sottoscrivere formale richiesta.

Qualora il documento venga richiesto con validità per l'espatrio occorre sottoscrivere, sul modello fornito dall'impiegato allo sportello, la dichiarazione di non trovarsi in alcuna delle condizioni ostative al rilascio del passaporto di cui all'art. 3 lettera b), d), e), g), della  Legge 21 novembre 1967, n.1185 ovvero, non possono ottenere il passaporto:

  • i genitori che, avendo prole minore, non ottengano l'autorizzazione del Giudice Tutelare; l'autorizzazione non è necessaria quando il richiedente abbia l'assenso dell'altro genitore legittimo da cui non sia legalmente separato e che dimori nel territorio della Repubblica;
  • coloro che debbano espiare una pena restrittiva della libertà personale o soddisfare una multa o ammenda, salvo per questi ultimi il nulla osta dell'Autorità che deve curare l'esecuzione della sentenza, semprechè la multa o l'ammenda non siano già state convertite in pena restrittiva della libertà personale, o la loro conversione non importi una pena superiore a mesi 1 di reclusione o di arresto;
  • coloro che siano sottoposti ad una misura di sicurezza detentiva ovvero ad una misura di prevenzione prevista dagli articoli 3 e seguenti della Legge 27/12/1956, n. 1423;
  • coloro che essendo residenti all'estero e richiedendo il passaporto dopo il 1° gennaio dell'anno in cui compiono il 20° anno di età non abbiano regolarizzato la loro posizione in rapporto all'obbligo del servizio militare.

N.B.: ai cittadini stranieri la carta d'identità viene sempre rilasciata con la dicitura: "carta d'identità non valida per l'espatrio".

 

Rilascio della carta d'identità ai minori

Il comma 5 dell'articolo 10 del decreto legge 13 maggio 2011, n. 70, recante "prime disposizioni urgenti per l'economia", ha modificato l'art. 3 del T.U.L.P.S., di cui al Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773, recante la disciplina del documento d'identità per minori.

E' soppresso il limite minimo di età per il rilascio della carta d'identità, precedentemente fissato in anni quindici, ed è stabilita una validità temporale di tale documento, diversa a seconda dell'età del minore.

In particolare, è previsto che la carta d'identità rilasciata ai minori di anni tre abbia una validità di tre anni, mentre quella rilasciata ai minori di età compresa fra i tre ed i diciotto anni abbia una validità di cinque anni.

Al fine del rilascio ai minori della carta d'identità valida per l'espatrio, è necessario l'assenso dei genitori o di chi ne fa le veci, oltre che la dichiarazione di assenza di motivi ostativi all'espatrio, ai sensi dell'art. 1 del D.P.R. n. 649/1974.

La carta d'identità, sia in formato cartaceo che elettronico, dovrà riportare la firma del titolare che abbia già compiuto dodici anni, analogamente al passaporto, fermo restando che tale firma sarà omessa in tutti i casi di impossibilità a sottoscrivere.

Le nuove disposizioni prevedono inoltre che per il minore di anni quattordici, l'uso della carta d'identità ai fini dell'espatrio sia subordinato alla condizione che il minore viaggi in compagnia di uno dei genitori o chi ne fa le veci, o che venga menzionato - su una dichiarazione rilasciata da chi può dare l'assenso o l'autorizzazione, convalidata dalla Questura o dalle autorità consolari - il nome della persona, dell'ente o della compagnia di trasporto a cui il minore medesimo è affidato.

Al fine di semplificare l'applicazione di tale disposizione in sede di controllo alla frontiera, si informa che sulla carta d’identità del minore, all’atto del rilascio, è possibile, a richiesta, riportare il nome dei genitori o di chi ne fa le veci; in alternativa è consigliabile munirsi di documentazione idonea a comprovare la titolarità della potestà sul minore (es. certificato di nascita con indicazione di paternità e maternità).

 

RINNOVO DELLA CARTA D'IDENTITA'

La validità della carta d'identità è di 10 anni dalla data di rilascio. Il rinnovo della carta è possibile nei 180 giorni precedenti la data di scadenza.

Tutte le carte di identità che riportano come data di rilascio 26/06/2003 o una data successiva sono prorogate, per legge, di ulteriori 5 anni previa apposizione del relativo timbro di proroga da parte del Funzionario delegato.

Qualora la carta d'identità, la cui scadenza sia stata prorogata con apposito timbro, venga utilizzata quale documento equipollente al passaporto ai fini dell'espatrio, è opportuno accertarsi, presso la locale Questura, che lo Stato presso cui si intente espatriare riconosca la validità della proroga tramite apposizione del relativo timbro. In alternativa è possibile sostituire la carta d'identità già prorogata, seppur valida, con una nuova carta d'identità la cui validità decennale decorrerà dalla data del rilascio. ( Circolare Ministero Interno n. 23/2010 )

Nel caso di furto e/o smarrimento occorre presentare 3 foto e la denuncia resa presso le autorità competenti (commissariato di polizia o stazione dei carabinieri).

Costo del servizio: € 5,42

 

Normativa:

  • Regio decreto 18.6.31, n. 773 - Approvazione del t.u. delle leggi di pubblica sicurezza
  • Regio decreto 6.5.40, n. 635 - Approvazione del regolamento per l'esecuzione del t.u. 19.6.31, n. 773 delle leggi di pubblica sicurezza
  • Decreto del Presidente della Repubblica 30.12.65, n. 1656 - Norme sulla circolazione e soggiorno dei cittadini degli stati membri della CEE
  • Legge 21.11.67, n. 1185 - norme sui passaporti
  • Decreto del Presidente della Repubblica 6.8.74, n. 649 - Disciplina dell'uso della carta d'identità e degli altri documenti equipollenti al passaporto ai fini dell'espatrio
  • Legge n. 127 del 15.5.1997 - come modificata dalla Legge n. 191 del 16.6.98 - Misure urgenti per lo snellimento delle attività amministrative
  • Decreto del Presidente della Repubblica 20.10.1998, n. 403 - Regolamento di attuazione della Legge n. 127/97
  • Decreto Legge 24 giugno 2008, n. 112 "Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico e la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria". Nuove disposizioni in materia di carte di identità.
  •  Decreto Legge 13 maggio 2011 n. 70 "Prime disposizioni urgenti per l'economia". Rilascio della carta d'identità ai minori. 

 

PASSAPORTO

Il passaporto ordinario è valido per tutti i paesi i cui governi sono riconosciuti da quello italiano e può essere ottenuto da tutti i cittadini della Repubblica. Il passaporto viene rilasciato e rinnovato dalle questure e, all'estero, dalle rappresentanze diplomatiche e consolari.
Attualmente, in Italia,  si rilascia  il passaporto con microchip elettronico inserito nella copertina.

Il passaporto viene rilasciato dal Questore della provincia di residenza o di domicilio o di dimora. 

Come disposto dalla Questura di Ferrara, con la circolare nr. Cat. 22/B Div. P.A.S. del 30/4/2010, tutti i cittadini richiedenti il documento, ad eccezione dei minori di 12 anni, dovranno recarsi in Questura per la rilevazione dell'impronta digitale. Per quanto concerne il ritiro rimangono invariate le facolta' di procedere personalmente, oppure tramite delega ovvero allegando all'istanza apposita busta preindirizzata e preaffrancata con bollo da € 6,90.

Dal 25 novembre 2009 cambiano alcune regole per il passaporto per i minori.

Lo stesso dovrà essere dotato di un passaporto individuale, pertanto non sarà più possibile per il genitore,  iscrivere il figlio minore sul proprio passaporto.

Tutti i cittadini che hanno richiesto il passaporto in data antecedente a quella del 25 novembre 2009 e che hanno richiesto l'iscrizione del figlio minore avranno il documento così come richiesto all'atto della consegna in Questura. Farà fede il timbro con la data di accettazione dell'istanza.




Siti internet Ferrara